Wunderkind. La rosa e i tre chiodi

Se devo parlare del Wunderkind, i primi due aggettivi che mi saltano in mente sono onirico e caotico. Sì, perché la storia che esce dalla penna di D’Andrea ricorda i sogni e, soprattutto, gli incubi, e perché, almeno parzialmente, la linearità lascia spazio al caos.
Se poi, però, devo parlare solamente de La rosa e i tre chiodi, ovvero del secondo volume della trilogia del Wunderkind, allora mi viene da pensare a meraviglia. Tutto è meraviglia in questo Wunderkind 2, tutto! Anche il sangue, il dolore (e di sangue e dolore ce n’è parecchio!)… tutto è meraviglia.
Credo che questo secondo volume sia nettamente superiore al primo e l’ho trovato di una bellezza sconvolgente.
Il grande potere di G.L. è l’evocazione, qui a grandissimi livelli. Leggendo il libro mi ritrovo a vedere scene bellissime, strazianti, esaltanti… ma le vedo! Non le sto leggendo, le vedo! Le creature che l’autore porta alla vita, come la bella Lucylle, i luoghi a cui si accenna, la stessa nascita del Wunderkind! Davvero, le scene di inaudita bellezza sono molte, ed è questa la cosa che più mi ha colpito. L’universo inventato dall’autore è strabiliante e sconvolgente; lo reputo uno dei maggiori punti di forza dell’opera.
Poi, passando alla storia, qualcosa di nuovo si scopre, qualcosa rimane tutt’ora nascosto. Non ho ancora ben capito cosa sia il Wunderkind, per esempio, se non che è Destino, e il destino non può essere ucciso. Poi, si scopre che tutto ha un prezzo, che tutto è in vendita, e questo è davvero inquietante e attuale.

Seguire le vicende che si susseguono nel Wunderkind è complesso, ma fantastico. Se il primo volume ti lascia un po’ stranito, questo secondo ti lascia ammaliato. Non potevo smettere di leggere, dovevo continuare, continuare… e avrei voluto continuare anche dopo l’ultima pagina, scoprire cosa accadeva dopo, chi ci sarebbe stato dopo, andare oltre il Mare…

Davvero, questo libro mi ha esaltato!

Rileggendo le parole che ho scritto, poi, mi rendo conto di aver detto tutto e niente, però, davvero, questo libro mi ha lasciato molte immagini e molte emozioni e molto caos…
Complimenti a G.L., grazie per questo bel regalo.

Ora si attende con molta ansia il W3.

Annunci

4 pensieri su “Wunderkind. La rosa e i tre chiodi

  1. Vocedelsilenzio ha detto:

    Guarda, davvero mi è piaciuto moltissimo.
    Mi spiace solo di non essere in grado di fare delle recensioni più dettagliate, più esplicative… ma mi viene sempre fuori una raffica di impressioni. Eh, son fatto così!

    Attendo nuove opere ora, W3 e New Kid! Al lavoro! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...