Viaggio e Scoperta

Le storie ci cambiano. Ma anche noi cambiamo le storie.
È una cosa che sto imparando con mio figlio.

Se fino a oggi ho sempre considerato i libri, e le storie in genere, come un qualcosa in grado di cambiarci, in bene e in male, come persone, ora mi ritrovo a scoprire che anche noi cambiamo le storie. Continuamente.
Non parlo semplicemente di reinventare Cappuccetto Rosso, ma proprio di viverle in maniera diversa. Le cambiamo a seconda del momento in cui le leggiamo/pensiamo. Le cambiamo nel momento in cui le rileggiamo. Se sono triste le vedrò sotto una luce diversa rispetto a un giorno felice. Se le sto leggendo in casa le sentirò in maniera diversa che se fossi all’aperto. Se anni dopo le richiamo alla mente le ricorderò sotto vesti nuove. E così via.

Questa epifania l’ho avuta mentre ‘leggevo’ due libri insieme al mio pupino.
Il leggevo è virgolettato perché si tratta di due albi illustrati completamente privi di testo.

Viaggio e Scoperta raccontano due storie, una il seguito dell’altra, solo attraverso le illustrazioni. Si tratta di storie di meraviglia e magia che incitano l’uso della fantasia come strumento supremo per inventare e vivere.

Scoperta
Quando però il pupo mi ha detto “Papà leggi”, sono rimasto indeciso sul da farsi.
Dovevo dirgli che no, non si trattava di leggere, perché le parole non c’erano? Oppure dovevo starmene zitto e far finta di nulla? E poi… chi ha detto che si possono leggere soltanto le parole?

Allora ho iniziato a ‘leggere’.
Gli ho raccontato una storia che era sicuramente diversa dall’originale, perché l’assenza di un testo offre al lettore un potere enorme: inventarsi il significato delle illustrazioni.
Quindi la mia storia era differente da quella pensata dall’autore. Sebbene probabilmente molto simile.

viaggio 2

Poi però, una volta chiuso il libro, il pupo mi rifà “Papà leggi.” E a quel punto, la prima pagina di quel volume senza parole è diventata una storia completamente nuova, che ricalca la precedente ma che per forza di cose rinasce. Perché ora avevo più chiaro tutto l’arco narrativo. Perché ora sapevo quali immagini piacevano al pupo e quali no. Perché ora notavo particolari che prima mi erano sfuggiti. Perché le storie tendiamo a piegarle alla nostra volontà, sebbene loro possano poi scappare per altri sentieri.

Viaggio e Scoperta sono dei testi meravigliosi sotto molti punti di vista.
Come dicevo prima incitano all’uso della fantasia. Inoltre contengono tavole davvero splendide che ognuno vorrebbe appendere alle pareti. E poi ti insegnano questa cosa delle storie… che sono creature vive, capaci di evolversi, oltre che di farti evolvere.

Annunci

Un pensiero su “Viaggio e Scoperta

  1. Valentina ha detto:

    Bellissimo post e discorso molto interessante; penso anch’io che lo stato d’animo del momento possa incidere sulla storia che stiamo leggendo, a volte anche influenzarne il giudizio.
    Riguardo ai due libri illustrati sono meravigliosi: li voglio anch’io! *__*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...