Ricordami così

Gli uomini sono creature alla perpetua ricerca dell’equilibrio. Spesso lo trovano, ma non se ne accorgono. Continuano a cercarlo. Il problema è che alla fine raggiungono la situazione tanto desiderata e scoprono che l’equilibrio non c’è più.
È questo quello che penso una volta finito Ricordami così.

_ricordami-cosi-1432696082

Quando Justin Campbell è scomparso, la sua famiglia ha dovuto reinventarsi in qualche modo. Non si sa se è stato ucciso, se è stato rapito, se è semplicemente fuggito, se ha avuto un incidente. Un giorno è, semplicemente, scomparso. E, ovviamente, in casi come questo tutto crolla.
Partono le ricerche disperate, poi sempre più questione di routine.
Si incomincia, con l’assenza di risultati concreti, a crearsi una nuova vita dentro la vita. E allora la madre va ad accudire un delfino malato al Marine Lab. Il padre si trova un’amante. Il secondogenito cerca di convincersi di essere sempre stato figlio unico.
Solo che, quattro anni dopo, Justin viene ritrovato. La felicità è inimmaginabile, ma allo stesso tempo la ritrovata famiglia non funziona più come prima. Gli equilibri vanno ripensati, i sentimenti ricalibrati. E non si può indagare sul passato del ragazzo. E non si sa nulla. E non si sa cosa provi lui. E non si sa cosa provino davvero gli altri.

Ricordami così è un romanzo che racconta di una ricerca continua di equilibri. Di una ricerca continua di stabilità. Solo che… nella vita è davvero possibile la stabilità?
E che prezzo richiede la felicità? E quello che andavamo cercando lo volevamo davvero?

L’amore è un sentimento difficile. Fa provare sensazioni che non vorremmo mai provare. Sensazioni uniche e irripetibili, ma anche crudeli. E l’amore in una famiglia è un fatto di slanci e privazioni. Di condivisioni e gioie ma anche momenti bui, scuri.
Si lotta per tenere i propri cari al sicuro ma a volte si fallisce. Si combatte per essere perfetti, ma in quanto umani non lo siamo. Cerchiamo di placare i nostri istinti per dare il buon esempio, per essere positivi, ma non sempre ci riusciamo.

Ecco. Ricordami così a me ha raccontato di questo. Di equilibri che vacillano e di famiglie che combattono per amarsi.

Potrei forse tentare di dire qualcosa di più. Potrei cercare di esplorare più in profondità alcuni concetti. Ma Ricordami così è un romanzo difficile da sviscerare, da discutere, è più un viaggio da affrontare da soli. Un viaggio consigliato, ma arduo. E come ogni viaggio ‘estremo’ che si rispetti, va fatto in compagnia delle proprie gambe e del proprio cuore.

Annunci

2 pensieri su “Ricordami così

    • Effettivamente è piuttosto rigido. Allo stesso tempo però, credo che se in una situazione del genere uno specialista ti dice di non indagare, tu non indaghi. Anche perché forse hai davvero paura di quello che potresti scoprire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...