Cloud Atlas. L’atlante delle nuvole

L’atlante delle nuvole è un romanzo che, più di un commento su un blog, avrebbe bisogno di una giornata di scambi di riflessioni e pareri tra le persone che l’hanno letto. Non perché sia un libro difficile, non più di tanto, ma perché c’è indubbiamente qualcosa di più, nascosto tra le pieghe delle storie, che però credo possa variare a seconda del lettore. Quello che ho visto io, è lo stesso scenario che hai visto tu? Sarebbe molto bello saperlo.
Sì, perché L’atlante delle nuvole è un libro… particolare.
Non è un romanzo come gli altri, nemmeno nella truttura. Le storie che vengono raccontate sono infatti sei, e molto diverse tra loro, e sono effettivamente ben distinte anche graficamente, le une dalle altre.
Ognuna è ambientata in un momento storico del passato o del futuro ben collocato e nessuna si incontra apertamente con le altre. Ma ci sono delle connessioni vistose. Cosa comportano però queste connessioni? E sono stato in grado di trovarle tutte? E cosa stanno a significare?
Cosa lega i protagonisti di queste storie? E cosa lega l’umanità tutta, che attraverso queste storie viene così magistralmente descritta? Ecco perché ci servirebbe una sorta di terapia di gruppo.
Certo è che il libro è un’opra di narrativa davvero magnifica. Mitchell ha uno stile davvero ottimo, che coinvolge e non annoia, che abbraccia il lettore e lo trascina nelle avventure che racconta. Inoltre, è un grande trasformista. Sì, perché ognuna di queste sei storie è raccontata in una forma narrativa diversa dalla precedente (diario, intervista, racconto in terza persona), e ognuna ha la sua voce caratteristica e i suoi tratti distintivi che la fanno sembrare una cosa a parte.
Grande maestria, quindi, e grande intelligenza nel mettere assieme i pezzi di un affresco ben più ampio che mira a mostrarci come tutte le cose che facciamo non siano semplicemente fatti gettati al vento, ma semi per futuri risvolti. O almeno questo è quello che io intuisco.
Un libro curioso, questo, che merita di essere letto e assaporato.
La mia più grande curiosità, ora, è quella di vedere com’è stato trasposto cinematograficamente, visto che giovedì uscirà il film in tutte le sale italiane.
Un’impresa ardua ma che potrebbe ottenere grandi risultati creativi.
Annunci

4 pensieri su “Cloud Atlas. L’atlante delle nuvole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...