Commento al libro: "Everwild"

Giravano delle voci. Voci di cose terribili, di cose sublimi, di cose troppo grandi da tenere per sé e che quindi venivano tranquillamente trasmesse da un’anima all’anima, da un Ultraluce all’altro. Giravano voci di una bellissima strega, chiamata Strega del Cielo, che saliva verso il paradiso a bordo di un dirigibile d’argento. E si sussurrava di un orco terribile, fatto di cioccolato dalla testa ai piedi, che adescava anime ingenue con il suo invitante profumo solo per scaraventarle in un pozzo senza fine, dal quale non avrebbero mai fatto ritorno.In un mondo dove la memoria viene cancellata dalla trama del tempo, le voci sono più importanti di ciò che si conosce davvero. Succede a Everlost, il mondo sospeso fra la vita e la morte e fra la guerra e la pace. Mary, Nick, Allie e Mickey sono anime inquiete, giovani per sempre, condannate a vagare in eterno fra i misteri di Everlost. Speranza e angoscia si susseguono come colpi di scena, ora che è diventato chiaro che la guerra non si può evitare. Nessuno può immaginare le conseguenze di una guerra fra nonmorti, ma una cosa è certa: nessuno a Everlost potrà evitarla.
Questo libro l’ho cercato con urgenza. Estrema urgenza. Appena conclusa la letura di “Everlost”, infatti, DOVEVO sapere come sarebbe continuata la storia. DOVEVO ASSOLUTAMENTE!
Il primo volume era stato una folgorazione, un amore fulminante. Ora stavo cercando una conferma, qualcosa che mi facesse sperare in un matrimonio duraturo.
Così è stato. “Everwild” prende ciò che di buono c’è in “Everlost” e lo potenzia con alcune aggiunte.
Ora la trama è più fitta, visto che anche i punti di vista usati dal narratore sono maggiori. Le strategie si fanno più feroci e subdole. Si scoprono nuove verità, verità che cambiano profondamente alcuni protagonisti, e verità che giocheranno dei ruoli fondamentali per il futuro di questo mondo di fantasmi.
Sì, perché il futuro di questo mondo sta per essere riscritto proprio adesso, adesso che qualcuno si è innalzato per froneggiare la ‘tirannia’ di Mary Torralta, per portare nuove speranze.
Io sono rimasto estremamente affascinato da questa storia. Così intensa, originale, piena di belle idee. Non risparmia scene ‘oscure’ e personaggi davvero inquietanti, e non si lascia andare in finti buonismi o scelte già trite e ritrite. Tutt’altro. E, allo stesso tempo, mostra ai lettori che forse dovremmo prenderci il tempo di ammirarlo, questo nostro mondo vivo, e apprezzarlo. Non aspettiamo di essere… ‘dall’altra parte’!
Un romanzo per ragazzi ottimo! Davvero ottimo! Un romanzo per ragazzi che non deve limitarsi, a mio parere, solo a questo pubblico adolescenziale.
Non mi resta che attendere fiducioso la pubblicazione del terzo e conclusivo volume della saga, sperando non passino troppi anni, visto che “Everlost” è del 2009.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...