Commento al libro: "Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro"

Quando ad agosto i genitori partono per la Svizzera per stare vicini alla nonna malata, Agata, dodicenne intelligente e ironica, si ritrova sola nella sua grande casa di città, abbandonata anche dalla sorella maggiore che preferisce stare con il fidanzato. Con l’unica compagnia di un vecchio classico, Incompreso, e di Gabo, il ragazzo delle pizze a domicilio, Agata imparerà a conoscere meglio il suo passato e verrà coinvolta in un piano per boicottare una corsa clandestina mafiosa di cavalli e liberare gli animali maltrattati.
Agata scoprirà non solo un sentimento che somiglia all’amore ma anche la possibilità di vivere diversamente, non più reclusa nel rifugio dei propri pensieri ma immersa nella vita vera, fino all’esplosione degli eventi, la notte di Ferragosto.
Di Nadia Terranova mi ero innamorato leggendo Bruno. Il bambino che imparò a volare, una vera opera d’arte. Era scritto divinamente, poeticamente, intensamente e una serie infinita di altri …mente, ovviamente tutti positivi. Inoltre aveva queste illustrazione fenomenali, eleganti ma insolite, fantiose ma arcane. Come dicevo, un’opera d’arte.
Però, si sa, gli amori possono passare o, come pensavo in quel caso, possono essere dei colpi di fulmine che, al secondo incontro, si rivelano per quello che sono: illusioni.
E invece, leggendo il nuovo libro di Nadia, ho capito che questo innamoramento è amore vero.
Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro racconta la storia di Agata, una ragazzina lasciata a casa da sola, per una serie di motivi vari. Dovrebbero essere giorni di solitudine e noia e caldo e zanzare, i suoi, ma poi conosce Gabo e, insieme, dovranno portare a termine una missione: salvare i cani e i cavalli usati dalla mafia nelle gare illegali! Ovviamente, non senza prima innamorarsi, spezzarsi il cuore, ricostruire la storia della famiglia e riflettere sulla vita.
La trama è già interessante di suo, perché ritengo importante che questi temi vengano narrati, ma voi, cari lettori, non avete proprio idea di quanto brava sia, la Terranova, a usare la nostra lingua.
Con uno stile fresco e vivace, e cambiando continuamente il punto di vista (Agata e Gabo), la storia si srotola brillantemente. Il testo gode di continue perle narrative, trovate simpatiche e geniali che raccontano il mondo con luce nuova e che, secondo me, mostrano quanto la vita sia bellissima proprio per la sua quotidianità, per i problemi e per i sorrisi di ogni giorno. Così com’è!
Davvero, questo è un libro di gioia e speranza e amore. Estremamente positivo, che mi ha caricato tantissimo e mi ha messo allegria.
I due protagonisti e la loro situazione famigliare sono spiegati benissimo, senza mai appiattire il tutto. Le loro personalità ben delineate danno forza al romanzo intero e un po’ ci si ritrova nelle caratteristiche di entrambi.
E’ classificato come romanzo per ragazzi, ma secondo me è ampiamente per tutti. Anzi! E’ caldamente consigliato anche agli adulti.
In somma, un grande libro, una grande autrice… leggetelo!
Annunci

3 pensieri su “Commento al libro: "Storia d’agosto, di Agata e d’inchiostro"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...