Commento al libro: "Proibito"

Lochan e Maya sono fratello e sorella. Lui ha 18 anni, è chiuso e solitario; lei ne ha 16, è sensibile e molto più matura di quello che la sua età richiederebbe. La loro ragione di vita, la loro preoccupazione più grande, è prendersi cura dei tre fratellini minori, allo sbando da quando il padre li ha lasciati e la madre si è abbandonata all’alcool. Sempre insieme, sempre vicini, sempre più complici. Un legame che rischia di trasformarsi in un dolce sentimento e una fatale attrazione.
“Proibito”. Un titolo che già da solo dice molto.
Un cuore di filo spinato. Una copertina significativa.

Una storia d’amore impossibile. Una famiglia disperata. Il padre ha abbandonato figli e moglie per un’altra donna. La madre è troppo legata alla giovinezza e, terrorizzata dall’invecchiare, finge disperatamente di essere una ventenne senza figli a carico, abbandonandosi a storie d’amori folli, al bere e al fumo. Ultima sua conquista un uomo di 20 anni in meno, divorziato con dei figli e che non vuole saperne di un’altra famiglia a carico. E così, non riuscendo ad abbandonare i suoi vizi, la donna trascura i suoi figli diventanto una madre totalmente assente.
I due figli maggiori, Lochan e Maya, devono quindi occuparsi dei tre fratelli minori, Kit (un adolescente ribelle), Tiffin (un bambino vivace), Willa (la più piccola, sensibile e desiderosa d’affetto), diventando dei baby genitori. Ma i due sono cresciuti insieme non vedendosi mai come fratelli, ma più che altro come due carissimi amici.
Ora che sono quasi adulti, scoprono però una verità bellissima ma dolorasa che li porterà in un mare di emozioni travolgenti, trascinandoli da momenti di immensa gioia ad altri di angoscianti tormenti. I due si amano.
Un amore proibito, incestuoso perchè tra fratello e sorella.

L’autrice riesce a descrivere benissimo ogni momento e ogni emozione che i due protagonisti vivono. Grazie anche ai punti di vista di entrambi i protagonisti, il lettore percepisce in modo ottimo e realistico tutto ciò che i due giovani vivono e provano. L’abilità dell’autrice sta proprio nel riuscire a rendere tutta la vicenda terribilmente reale, affrontando tematiche importanti in maniera dinamica, ma chiara e non superficiale.
Insomma, un libro bello, ma per il vostro bene ve ne sconsiglio la lettura, se siete in un momento ‘depressivo’ già di vostro!! La storia è talmente triste che, alla fine, vi troverete con le lacrime agli occhi e un’immensa tristezza.

Un romanzo che, come già detto, affronta tematiche importanti e che fa riflettere.
La situazione famigliare, la solitudine di molti adolescenti (Lochan), il bisogno di apparire, di appartenere a un gruppo (Kit), ma soprattutto questo amore impossibile.
Ed è su quest’ultimo che voglio soffermarmi un attimo. Si può davvero definire amore quello provato dai due protagonisti? Un fratello e una sorella possono amarsi veramente così, come una coppia qualunque? E’ solo incesto? Un crimine? Dopotutto non si tratta comunque di un amore tra un uomo e una donna?
E se i due fossero stati separati alla nascita, per poi un giorno re-incontrarsi e, ignari del legame di sangue che li unisce, si innamorassero, questa loro relazione sarebbe vista in modo diverso dalla gente?
L’amore tra fratello e sorella è veramente una cosa così disgustosa come l’opinione comune dice, o è semplice e normale attrazione? L’amore non dovrebbe essere la cosa più bella che esiste, comunque esso sia?

Un altro particolare che mi ha fatto riflettere, sempre riferito a questa storia d’amore, è la riflessione fatta dai due personaggi riguardante la possibilità di essere scoperti. In quel caso lei, perchè donna, sarebbe vista come vittima e lui, invece, essendo uomo, apparirebbe come il carnefice.
L’uomo è davvero così pieno di pregiudizi e preconcetti che condizionano la nostra vita e le nostre idee in maniera davvero impressionante.

In conclusione, l’ho trovato un libro drammaticamente bello. Credo che lo si potrebbe proporre, visto le tematiche, anche come libro di narrativa nelle scuole.
Buona lettura!

Annunci

2 pensieri su “Commento al libro: "Proibito"

  1. Ciao! In effetti in questo periodo della mia vita non sarebbe una lettura proprio adatta a me, ma sembra un romanzo profondo e intrigante, per quanto incestuoso. Le domande che poni sono legittime ed è davvero difficile rispondere..
    Comunque metto il libro nella lista!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...