Commento al libro: 436

Cosa ci fa un giaguaro in carne e ossa nel cuore di Londra? Cosa sono tutte quelle reminiscenze di un passato remoto? E le visioni sanguinose che perseguitano Redlie, diciassettenne venuta dall’Italia, ospite a Londra di zia Daisy? Perché tutti continuano a dirle che la sua luce è abbagliante? Cosa significa? Ci sono nuovi adorabili amici per Redlie. Ci sono una zia un po’ squinternata ma premurosa e un padre che da sempre è lontano. C’è un gattino randagio di nome Copernico. C’è un segreto che nessuno vuole rivelarle: – Devi arrivarci da sola – le rispondono ogni volta che lei chiede. C’è un amore, uno splendido e tenebroso giovane, dalle abitudini e dai comportamenti inspiegabili. Ma c’è anche David. Ossuto e grigio, quanto spietato e violento.

Io e i Paranormal Romance non andiamo molto d’accordo. Sarà che ho avuto esperienze di lettura non proprio rosee in passato, sarà che la troppa dolcezza mi fa alzare eccessivamente gli zuccheri nel sangue, sarà che… fatto sta che non vedevo l’ora di ricredermi e, è successo. Finalmente ho trovato un bel Paranormal Romance, che tra l’altro è stato scritto da un’italiana!

436 è un libro che mi ha sorpreso molto. Ha dalla sua molte carte vincenti che lo rendono un bel romanzo corposo ma veloce da leggere.
La scrittura è fluida, fulminea, precisa. La storia è avvincente perché molto misteriosa, ben giocata con la suspance e attenta a non dare troppe informazioni tutte d’un colpo. E al di là del Paranormal Romance, c’è fantasy più classico, c’è storia di formazione e c’è qualche sprazzo di Storia che non fa mai male.
I personaggi poi sono fantastici. Tutti ben delineati e dall’innegabile fascino, forse anche perché un po’ si sogna di essere come loro, soprattutto i due protagonisti, Sean e Redlie, che sono due caratteri estremamente forti, carichi, intensi… Se posso permettermi, mi hanno un po’ ricordato Cime Tempestose. Heathcliff e Catherine li ho amati proprio per la loro estrema forza, le loro beghe, il loro azzuffarsi e, allo stesso tempo, per la loro estrema fragilità. Ecco, Redlie e Sean mi ricordano loro due e per me è una cosa bellissima.

Dunque, complimenti ad Anna Giraldo che ha saputo costruire un romanzo divertente, coinvolgente e non banale. Ha saputo adattare il genere alle sue idee rendendolo godibile anche a chi non ama molto questo filone e ha saputo costruire bei personaggi che difficilmente si dimenticano.

Tra qualche giorno, poi, arriva in libreria il seguito, Thunder + Lighting… e io non vedo l’ora!

Annunci

3 pensieri su “Commento al libro: 436

  1. Daisy Dery ha detto:

    Devo assolutamente leggere questo libro! Ce l'ho in libreria, avevo letto l'anteprima sul sito dell'editore e mi aveva molto incuriosita. E' vergognoso che l'abbia ancora sullo scaffale a prendere polvere! Grazie Voce!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...