Anteprima: Il linguaggio segreto dei fiori

Oggi vi segnalo con qualche anticipo un libro che mi incuriosisce molto e che, sono sicuro, incuriosirà anche molti di voi. Si tratta di un romanzo in uscita il 5 maggio e che è un caso editoriale ancor prima di giungere alla pubblicazione, pubblicazione che avrà luogo in contemporanea mondiale. E’ stato comprato dall’editore americano per una cifra altissima e verrà pubblicato in 30 paesi. In somma, ne sentiremo sicuramente parlare, e molto. a me piacerebbe farvelo conoscere almeno un pochino, giusto per incuriosirvi.

Il linguaggio segreto dei fiori, di Vanessa Diffenbaugh

Le rose per la grazia e l’eleganza, la camomilla per emergere dalle difficoltà, la gerbera come l’allegria di un’inattesa speranza e i bouganville per la passione. Ogni fiore ha un significato più intenso di quello che pensiamo e ogni lettore potrà attribuirsene uno, scegliendo per sé, e per chi ama, una copertina diversa per questo strabiliante libro. “Il linguaggio segreto dei fiori” di Vanessa Diffenbaugh, fenomeno editoriale ancor prima della pubblicazione e conteso da tutti gli editori del mondo, racconta attraverso uno dei personaggi più straordinari mai creati, una vicenda di forza, sofferenza, amore e incredibile sete di vita. Victoria è una ragazza di diciotto anni con un passato alle spalle di certo non facile: abbandonata nella culla dai genitori, ha passato l’infanzia tra famiglie adottive, genitori provvisori e spesso non ideali. Un giorno però la ragazza incontra Elizabeth, una donna straordinaria e speciale che le cambia e sconvolge la vita persino in modo drammatico. Elizabeth è per Victoria la sua unica vera madre e per questo le trasmette un dono speciale: la capacità di conoscere il linguaggio segreto dei fiori. Diventata maggiorenne, la ragazza decide di lavorare come fioraia e il richiamo magico delle sue rose e delle sue margherite porterà tutta la città nel suo negozio. Perché i fiori, nel romanzo della Diffenbaugh, curano prima di tutto le ferite dell’anima e lasciano delle pillole di felicità. Victoria però ha paura di amare, di lasciarsi trasportare dalle emozioni e dalle parole. Per lei farsi toccare dagli altri è impossibile, l’unico tocco che sopporta è quello dei petali dei fiori. E’ infatti nella quiete del parco pubblico di una splendente San Francisco che la protagonista trova rifugio. Lì, attorniata dai fiori, i suoi pensieri possono esprimersi e la sua mente può volare libera. Grant, un ragazzo tenebroso che pare sappia misteriosamente tutto del suo passato, sembra però l’unico in grado di scuotere Victoria e di regalarle dei momenti di serenità. La ragazza infatti si porta dentro una ferita che è una colpa che non riesce a cancellare dal suo cuore. Per fortuna esistono i fiori. Ce n’è uno per ogni male dell’anima.

E la protagonista del romanzo, come avete potuto leggere, è Victoria:

Victoria ha paura del contatto fisico. Ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare. C’è solo un posto in cui tutte le sue paure sfumano nel silenzio e nella pace: è il suo giardino segreto nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco. I fiori, che ha piantato lei stessa in questo angolo sconosciuto della città, sono la sua casa. Il suo rifugio. La sua voce. Attraverso il loro linguaggio Victoria comunica le sue emozioni più profonde.

Vanity Fair, tra l’altro, ha pubblicato tra le sue pagine un estratto dal dizionario dei fiori della protagonista Victoria. Basta che clicchiate QUI per scoprire i significati dei fiori.

Se invece cliccate QUI, potete accedere allo speciale sito interattivo dedicato al romanzo, mentre QUI c’è la pagina facebook.
E, ovviamente, non potevo farvi mancare il booktrailer!

E, per chi non ne ha mai abbastanza, QUI trovate la colonna sonora del booktrailer scaricabile gratuitamente!

Per concludere, poi, ma credo l’abbiate giàm potuto intuire da soli, il libro sarà disponibile in 4 versioni differenti, ognuna con un fiore diverso in copertina, a seconda del lettore che vorrà acquistarlo:
Rosa rosa: grazia, eleganza
Camomilla: forza nelle avversità
Gerbera: allegria
Buganvillea: passione
In somma, tanti fiori dal significato diverso quanti sono i lettori: ognuno potrà scegliere la copertina col fiore che più si addice al proprio carattere.

Come vi dicevo, il libro uscirà il 5 maggio per Garzanti, avrà 344 pagine e costerà 18,60 €.

Beh? Cosa ne dite? Io adoro i fiori, lo ammetto, e questo libro, con un po’ di mistero, mi incuriosisce tantissimo!

Tra l’altro ci tengo a riportare questa notizia dell’ultim’ora: sul blog di Giulie, L’albero delle gocciole, è iniziato proprio oggi uno speciale dedicato a questo romanzo. Uno speciale tutto particolare in cui ogni giorno potrete leggere delle storie relative al significato dei fiori.
Davvero una bella idea!

Generated image
Annunci

11 pensieri su “Anteprima: Il linguaggio segreto dei fiori

  1. Iri ha detto:

    Anche se questi libri che sono casi editoriali ancora prima di leggerli mi hanno rotto, mi ispira XD Presumo che prenderlo in tutte le versioni sarebbe paranoico, vero? Dato il significato, direi che dovrei optare per la camomilla; però non mi dispiace quella con i petali di bugavinellea.
    Intanto ti segnalo che su amazon c'è lo sconto su tutto del 35%

  2. Vocedelsilenzio ha detto:

    @Iri: guarda, a volte son scettico, ma la curiosità prevale sempre! XD Comunque, io prenderei la gerbera o la buganvillea, se dovessi scegliere in base al carattere… buganvillea in base al gusto. Assolutamente! 🙂
    Grazie per l'avviso! 😉
    @Elisabetta: Sì, bell'idea in effetti… e no, mi spiace ma il girasole non c'è. 😦

  3. Iri ha detto:

    Oddioooooooo
    ho visto solo ora il booktrailer, e lo adoro, semplicemente! *___* XD
    Voce, quando sarà il tempo voglio che tu ti rivolga all'autore di questo.

  4. Iri ha detto:

    Sì, ma solo come fan booktrailer, come per i disegni… io fornisco più che volentieri come fan artist (molto fan, e poco artist XD). Per la versione 'ufficiale' io voglio per te il meglio del meglio.

  5. Girasonia76 ha detto:

    Questo libro mi ispira nonostante avessi le stesse remore di Iri… non saprò mai che copertinaa scegliere (io non voglio avere la scelta, mi fa venir voglia di volere tutte le alternative!!) e la colonna sonora ormai suona ininterrottamente da giorni sul mio portatile come sottofondo alle mie navigazioni…

    Bravo Voce, Brava Garzanti, Brava Diffenbaugh!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...