Segnalazione: Virginia Woolf, mia zia

Oggi vi voglio segnalare un libro che ho trovato in libreria sabato e che non sapevo fosse uscito. Vederlo su quello scaffale è stata una sopresa enorme e mi ha reso davvero felice, per quanto non possa ancora procurarmelo, visto la scarsità di luqiodi destinati ai libri ultimamente.
Comunque sia, si tratta della biografia di Virginia Woolf scritta da suo nipote Quentin Bell, figlio della sorella Vanessa. Un’opera di cui davvero si sentiva la mancanza in questo nostro paese. Io la segnalo per quelli che, come me, amano questa donna.

Virginia Woolf, mia zia, di Quentin Bell

A differenza della maggior parte dei biografi, Quentin Bell, nipote di Virginia Woolf, è stato capace di catturare la più piccola peculiarità della figura della zia, avendo avuto quest’ultima un ruolo fondamentale nella sua infanzia. È in queste pagine che ritroviamo la vera Virginia, al di là delle molte ipotesi che la sua vita e la sua opera hanno suscitato negli ultimi settant’anni. Oltre a tutto quello che già si conosceva di lei, Quentin Bell si sofferma su aspetti sconosciuti che ne hanno influenzato l’esistenza, rivelando anche segreti dolorosi e intimi: il comportamento morboso dei fratellastri sia verso di lei che verso la sorella Vanessa, madre di Quentin, e il rapporto di grande amore e gelosia che le legava e che le portò quasi a una separazione. La vita non certo facile della grande scrittrice fu segnata anche da altri eventi terribili, come la morte dell’amato fratello Thoby e quella del suo migliore amico Lytton Strachey, il tutto sullo sfondo della seconda guerra mondiale con e dell’Inghilterra terrorizzata dai bombardamenti e dalla minaccia di un’invasione tedesca. Quentin Bell ricostruisce in maniera magistrale anche il clima culturale di quegli anni, disegnando le figure di rilievo e i rapporti talvolta tempestosi e ambigui che Virginia ebbe con colleghi e amici, ma soprattutto rivela nitidamente sia le angosce di un’esistenza segnata da un male oscuro sia le doti della grande artista.
Una storia nella Storia che si legge come un romanzo. Questa biografia resta ancora oggi, secondo critici letterari, saggisti e studiosi, un testo insuperabile per chiarezza e ricchezza di fonti. Piena di ricordi, citazioni, frammenti di lettere e brani dei diari: tutto ciò ne fa una lettura meravigliosa ed educativa.

L’AUTORE:
Quentin Stephen Bell (1910-1996), storico dell’arte, professore e scrittore inglese. Figlio di Clive e Vanessa Bell (nata Stephen) e nipote di Virginia Woolf, fu membro del gruppo di Bloomsbury. Insegnò a Leeds, Oxford e infine all’Università del Sussex. Con questo libro ha vinto non solo il James Tait Black Memorial Prize, ma anche il Duff Cooper Prize e lo Yorkshire Post Book of the Year.

EDITORE: La Tartaruga
PAGINE: 560
PREZZO: 22,00 €

Annunci

5 pensieri su “Segnalazione: Virginia Woolf, mia zia

  1. *Piccola preghierina a sua Vociosità*
    Naturalmente fai come piace a te, ma non è che gli estratti dei libri potresti farli con lo stesso carattere e grandezza del resto? E in nero, non in grigio. Scusami XD è che così devo sempre copiare tutto su un documento word, ingrandire e cambiare colore… perchè non ce vedo 'na mazza. È solo una preghierina naturalmente, e mi rendo conto che il riquadro rosso fa figo. Non è che pretendo che cambi per me, però in caso pensassi a una variazione… XD
    Amen

  2. Caro Iri, le tue richieste verranno accolte presto. Purtroppo però, il template attuale è studiato così come lo vedi e io non sono abbastanza esperto da sapere dove mettere le mani.
    comunque ho in programma di cambiarlo, perché non mi piace proprio questo grigino, e neanche la linea di cornice! XD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...