Auguri da blogger #13

Anche di domenica ritorna l’appuntamento con AUGURI DA BLOGGER!!! E a farci tanti auguri oggi c’è Giulie de L’albero delle gocciole. Un applauso signore e signori, un applauso!!!

Bene, io vi lascio alle belle risposte di Giulie e vi auguro un buon fine week-end. A domani!

Create your own banner at mybannermaker.com!

Cosa ti AUGURI ogni volta che apri un nuovo libro?
Ogni volta che apro un nuovo libro spero sempre di trovarci dentro un nuovo tassello che vada a comporre il mosaico della mia persona. I libri hanno questo potere, sanno arricchirti e ognuno lo fa in modo differente. Immergendomi in un nuovo libro mi auguro di scoprire una parte di me che era rimasta nascosta, in attesa di essere portata alla luce attraverso nuove pagine e nuove storie.

Cosa ti AUGURI ogni volta che finisci un libro che ti è piaciuto molto?
Ogni volta che concludo un libro che mi è piaciuto molto avverto dentro di me sensazioni contrastanti. Da una parte sono felice di aver conosciuto mondi e personaggi che hanno saputo trasmettermi tanto; dall’altra, però, sono triste, di quella tristezza che provi quando un amico va a vivere lontano. Sai che lo porterai nel cuore e che quando vorrai lui ci sarà sempre, ma ne avverti comunque e irrimediabilmente il distacco. Ecco, se devo descrivere cosa prova finito di leggere un libri che mi è piaciuto molto, direi che è come quando devi salutare un tuo carissimo amico in partenza.

Cosa ti AUGURI ogni volta che finisci un libro che non ti è piaciuto per niente?
Cosa faccio ogni volta che finisco di leggere un libro che non ho amato per niente? Be’, sorvolando sulla delusione che è comunque grandissima, mi auguro di essere più “sveglia” nella scelta dei prossimi libri da leggere. Di solito è raro che consideri un libro proprio da buttare, ma le poche volte che è successo ho cercato di prestare molta più attenzione a quello scrittore,a quella casa editrice, etc. Tutti devono avere la propria chance, però, come i gatti quando pesti loro la coda, dopo divento più diffidente.

Cosa ti AUGURI quando pubblichi un nuovo post sul tuo blog?
Quando pubblico sul mio blog spero sempre di poter dare il mio contributo, anche se minuscolo, alla lettura e ai libri. C’è bisogno di leggere e mai quanto in Italia, quindi, se un post può servire a far leggere un libro in più o creare della curiosità intorno ad un titolo penso che questo possa essere il mio augurio più grande.

Cosa AUGURI al tuo scrittore/scrittrice preferito/a?
Sono una grande, grandissima amante dei classici e per ciò i miei scrittori preferiti sono, diciamo così, “passati oltre”. Comunque, quello che posso augurare a tutti gli scrittori che stimo e che sono ancora da questa parte del mondo è di essere capaci di rinnovarsi. Nella prefazione del 1964 a Il sentiro dei nidi di ragno, Calvino diceva: “Finché il primo libro non è scritto, si possiede quella libertà di cominciare che si può usare una sola volta nella vita, il primo libro già ti definisce mentre tu in realtà sei ancora lontano dall’esser definito; e questa definizione poi dovrai portartela dietro per la vita, cercando di darne conferma o approfondimento o correzione o smentita, ma mai più riuscendo a prescinderne”; credo che le parole dette da Calvino siano estremamente vere, ma forse la bravura di uno scrittore sta proprio in questo, nel saper reinventarsi pur rimanendo se stesso.

Cosa AUGURI all’editoria italiana?
Cosa auguro all’editoria italiana? O mio dio, ci sarebbero un sacco di cose da augurarle. In primis, le auguro di svecchiarsi. Tanti giovani e con talento vorrebbero entrare a far parte di questo mondo, ma sono scansati dagli anziani che non ne voglio sapere di perdere i loro posti. Per seconda cosa, le auguro di reggere il passo coi tempi. I libri non posso essere solo delle merci, dei prodotti senza grande valore, devono saper resiste alle “intemperie” del tempo e per far si che questo accada, c’è da augurarsi che l’editoria sappia valorizzare i veri scrittori. In fine, credo che l’augurio più grande per l’editoria sia quello di saper arrivare sempre di più alle persone, ma non tanto a quelle che già leggono di suo (sarebbe troppo facile), ma a quelle che un libro, magari, non sanno neache come è fatto.

Se potessi reincarnarti in un personaggio letterario, chi ti AUGURI di diventare?
Se potessi reincarnarmi in un personaggio letterario…Diciamo che ci sono molte figure che mi piacerebbe essere: Jo di Piccole donne per il suo sogno di essere scrittrice, Cathy di Cime tempestose per la capicità di vivere passioni travolgenti, Jane di Jane Eyre per la sua indistruttibile perseveranza, ma poi c’è lei, che in certo senso le racchiude tutte. Testarda, risoluta, brillante, pungente, sensibile, razionale, ribelle, grande lettrice. In due sole parole: Elizabeth Bennet. Non so cosa darei per reincarnarmi in lei!

Cosa AUGURI a chi non ama leggere?
Provo tanta pena per chi non legge e non lo dico con spocchiosa alterigia. Credo che la lettura debba far parte di ogni individuo, ma molto spesso mi accorgo che non è così. A una persona che non legge c’è solo da augurargli che lungo il cammino della sua vita abbia la possibilità di incontrare qualcuno che riesca a trasmettergli, infondergli l’ amore per i libri e per le sensazioni che solo loro sanno dare. Nel mio piccolo cerco di essere quella persona per coloro che mi stanno accanto e scrivere sul mio blog, in fondo, penso possa servire anche a questo.

Annunci

2 pensieri su “Auguri da blogger #13

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...