Regalo d’autore #4

Ovviamente, assieme ai giveaway, ripartono anche tutte le rubriche che costellano questi festeggiamenti di compleanno. Eccoci quindi con una nuova puntata di REGALO D’AUTORE, piccolo angolo dove uno scrittore o una scrittrice ci ‘regala’ uno dei suoi libri/autori preferiti.

Oggi, a farci visita, è M.P. Black, talentuosa autrice esordiente, anche se ormai esordiente non lo è più e il suo valore l’ha dimostrato sul campo. E’ sua la saga di Lisa Verdi: Lisa verdi e il ciondolo elfico, Lisa Verdi e l’antico codice e Lisa Verdi e il sole di Aresil. Di prossima pubblicazione, poi, c’è un titolo che attendo con trepidazione e che si chiama I guardiani delle anime. No dovremo attendere molto! 😉
Ma ora passo la parola alla mitica Black e sentiamo cosa ci dice:

Considero J.K.Rowling una maestra del fantasy, una delle migliori autrici del genere. Innanzitutto, questa donna delle meraviglie è riuscita in un’impresa colossale. Quella, cioè, di far tornare a leggere i ragazzi. In un periodo nel quale nel mondo intero la lettura era relegata in secondo piano, ecco uscire lei, con prepotenza, pronta ad incantare milioni di lettori sparsi per tutto il pianeta. Della saga di Harry Potter, il libro che preferisco in assoluto è” Harry Potter e il Principe Mezzosangue”. Più degli altri, questo è il libro che segna un’evidente evoluzione sia nei personaggi, che nella trama. La saga nasce con un ragazzino timido, alle prese con un mondo più grande di lui. Piano piano questo ragazzino prende consapevolezza delle proprie capacità e dell’importanza che riveste nel mondo dei Maghi e delle Streghe. Vi è un’evoluzione anche nello stile dell’autrice, dal primo all’ultimo libro della saga. Partendo infatti da uno stile semplice, rivolto per lo più a ragazzi adolescenti, la forma si arricchisce, nel corso dei volumi, di vocaboli più impegnativi e di un’atmosfera sempre più cupa e pesante. Harry cresce e con lui il suo personaggio. Il “Principe Mezzosangue” porta a termine, definitivamente, il periodo in cui Harry può ancora pensare di poter vivere in modo spensierato, nonostante la presenza costante e terribile di Lord Voldemort. Dal sesto libro, invece, Harry prende piena consapevolezza della cruda realtà della vita e del suo destino. E’ un piccolo uomo, che si vede costretto ad affrontrare, suo malgrado, il più grande e terribile mistero dell’esistenza. Quello, cioè, della morte, che lo sfiorerà più volte. Lo stile della Rowling comincia a mutare sensibilmente dal quarto libro, ma qui si fa più marcato, deciso, carico di ombrosità e di momenti cupi, nei quali, a volte, i personaggi non vedono una facile via d’uscita. Si ampliano anche le magie che Harry, Ron ed Hermione apprendono, e il trio diventa, se possibile, ancora più legato. Il carattere mutevole di Harry qui diventa ancora più marcato, e proprio per questa sua caratteristica spesso la narrazione lo vede protagonista di azioni non sempre condivisibili (si ricordi la scena in cui Harry ferisce gravemente Draco Malfoy nel bagno di Mirtilla Malcontenta). Inoltre, Harry si innamora, definitivamente, della ragazza che poi diverrà la donna della sua vita. E anche Ron e Hermione cominceranno ad avvicinarsi sempre di più, sebbene persi in amori differenti. L’ingresso del nuovo personaggio di Luna Lovegood, rende ancora più interessante e frizzante il libro. Un personaggio che la Rowling ha amato da subito, forse il suo preferito. E che dire di Lord Voldemort? Tramite l’immersione di Harry in alcuni ricordi tratti dalla mente di Albus Silente, si comincia a conoscere di più questo Mago terrificante, e si comprende qualcosa di più delle sue malefiche intenzioni. Infine, il “Principe Mezzosangue” segna la fine, terrificante, del grande Preside Silente. Chi non si è emozionato dinanzi alla sua morte, così atroce? Un cenno merita anche il Prof. Piton, un personaggio che io ho sempre apprezzato e che, fortunatamente, riuscirà a riscattarsi al termine della saga.

Sesto appuntamento con la saga che ha appassionato bambini, ragazzi e lettori di tutte le età. Harry Potter è solo, sconvolto e preoccupato. Il suo amato padrino Sirius Black è morto, e le parole di Albus Silente sulla profezia gli confermano che lo scontro con Lord Voldemort è ormai inevitabile. Niente è più come prima: l’ultimo legame con la sua famiglia è troncato, perfino Hogwarts non è più la dimora accogliente dei primi anni, mentre Voldemort è più forte, crudele e disumano che mai. Harry stesso sa di essere cambiato. La frustrazione e il senso di impotenza dei quindici anni hanno ceduto il posto a una fermezza e a una determinazione diverse, più adulte. Ma quali sconvolgenti imprese lo attenderanno quest’anno?

Uno dei brani che preferisco, è in assoluto questo:

“Silente aveva gli occhi chiusi; a parte la strana angolatura di gambe e braccia, sembrava addormentato. Harry si protese, raddrizzò gli occhiali a mezzaluna sul naso adunco e asciugò con la manica un rivolo di sangue che scendeva dalla bocca. Poi guardò il vecchio volto saggio e cercò di assorbire l’enorme, incomprensibile verità: che mai più Silente gli avrebbe parlato, mai più lo avrebbe aiutato.”

Qui Harry capisce che, da questo momento in poi, dovrà contare sulle sue forze. Perde il suo appoggio più grande, il suo migliore amico, il suo confidente. Comprende, più avanti, che con l’aiuto degli amici Ron e Hermione riuscirà a superare questo ennesimo lutto, dopo quello, devastante, derivato dalla morte del padrino Sirius Black. Un capolavoro, insomma, che leggerò fino allo sfinimento, ringraziando per sempre la grande Rowling.
Annunci

7 pensieri su “Regalo d’autore #4

  1. Paola, che bel regalo il tuo intervento!!! ti ho apprezzata tantissimo nella tua trilogia (anzi, nei primi due volumi visto che mi manca ancora la lettura dell'ultimo) e ora apprezzo tantissimo le tue parole sulla Rowling e il suo Harry Potter, che resteranno per sempre nel mio cuore come opere ineguagliabili.
    E bravo Voce, che hai fatto a noi lettori del blog questa bella sorpresa.
    Joyeux Anniversaire!

  2. Paola è Paola, su questo non ci piove! E oltre ad essere una rbava scrittrice è straordinariamente simpatica e disponibile… ma sentirete parlare ancora di lei su questo blog… molto presto! 🙂

    Ah, merci Sonià! 😉

  3. Ma grazie a voi, che meraviglia leggere le mie parole qui, su questo blog così' simpatico e ospitale! Grazie a Voce per la gentilezza che ha dimostrato nei miei confronti! ^-^ Black.

  4. wow potresti forse convincermi a leggere tutta la saga.. pensa che i libri li ho tutti perchè li ha letti mia sorella, però non mi ispirano tanto.. mi sembrano molto commerciali.. in futuro si vedrà 🙂

  5. Urca, mi sa che la mia assenza prolungata mi ha fatto sfuggire qualcosa! Anche se in ritardo – e mi scuso – tantissimi auguri a questo splendido blog!!!!
    Complimenti anche alla Black per questo meraviglioso intervento!! 🙂

  6. @Paola: ma grazie a te, davvero! Hai fatto un'intervento davvero appassionante! 🙂
    @fra: certo che devi riprenderli in mano, a me piacciono moltissimo! 🙂
    @Mario: Mario! Meglio tardi che mai! 😀 Scherzi a parte, grazie mille! 🙂 Per tutto…

  7. @fra: ti piaceranno. Non pensare ai film, sono un'altra cosa. Quelli sì che sono commerciali. I libri no. Sono appassionanti, catturano subito l'attenzione del lettore e non la lasciano più fino al termine della saga. Devi leggerli, assolutamente!^-^ Black.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...