Speciale I figli di Atlantide: Ventimila leghe sotto i mari

Oggi vi presento un libro che non è incentrato su Atlantide, ma che al famoso continente perduto rende ugualmente omaggio riuscendo a ‘raggiungerlo’.
sto parlando di un classico dell’avventura:

Ventimila leghe sotto i mari, di Jules Verne


La storia è ambientata nel periodo successivo alla guerra di secessione, e segue le avventure dei protagonisti a bordo del sottomarino sperimentale Nautilus, costruito e comandato in segreto dal misterioso Capitano Nemo.

Quello che appare come un misterioso mostro marino, affonda le navi incontrate lungo il suo percorso. I pochi testimoni scampati alle stragi raccontano di aver visto due grandi riflessi fluorescenti e un corpo di massa enorme muoversi a velocità prodigiosa. Pierre Aronnax, professore naturalista al Museo di Storia Naturale di Parigi, famoso per aver pubblicato un’opera sulla vita sottomarina, viene chiamato a prendere parte alla spedizione che avrebbe dovuto liberare definitivamente i mari dal mostro. Assieme al suo fedele servo Conseil (in italiano Consiglio) si imbarca sull’Abraham Lincoln, nel quale incontreranno il valente fiociniere Ned Land.

Dopo molti mesi di navigazione infruttuosa, in cui il comandante della nave pensa addirittura di abbandonare l’impresa, l’Abraham incontra finalmente il famigerato mostro nelle acque Giapponesi. Le batterie della nave aprono il fuoco, ma il Nautilus sperona la nave, che va alla deriva. Durante lo scontro, Aronnax e Conseil finiscono in mare, restando parecchie ore in balìa delle onde. Quando ormai la morte sembra sopraggiungere, sentono però la voce di Ned Land, anch’egli scaraventato in mare, che chiamava aiuto; seguendo l’eco lo raggiungono. Il fiociniere stava in piedi sopra quella che sembrava un’isola galleggiante. Capiscono poi (erano immersi nella nebbia) che l’isola non era altro che il “mostro”, o meglio, una nave sottomarina. I tre uomini vengono quindi catturati dai marinai del Capitano Nemo e rimangono a bordo del Nautilus come suoi “ospiti”. Da qui ha inizio un lungo viaggio pieno di imprevisti ed avventure che permette a Jules Verne di realizzare descrizioni epiche e ricche di fascino.

I tre protagonisti partecipano alla caccia nelle foreste sottomarine di Crespo, nel Pacifico, indossando speciali scafandri. Arrivati sull’arcipelago asiatico-oceanico, sfuggono a dei feroci cannibali e dopo, proseguendo fino ai mari indiani, eseguono un’altra passeggiata sottomarina dove fanno visita ad una perla gigante custodita dal Capitano Nemo e quest’ultimo, aiutato da Ned, salva un giovane pescatore di perle da uno squalo. Il Nautilus naviga sotto al canale di Suez, scoperto da Nemo prima della sua apertura ufficiale per poi percorrere il Mediterraneo.

Ned Land non è interessato, a differenza di Conseil e Aronnax, dalle ricchezze marine e pianifica una fuga notturna durante il tragitto sull’Atlantico. Nella notte stabilita però, Nemo incrocia Aronnax e insieme escono con gli scafandri. Il capitano così mostra al professore il continente sprofondato di Atlantide.

Il Nautilus prosegue sempre più a sud fino ad arrivare sul Polo Sud e per poco non rimane incastrato sott’acqua nel ghiaccio. Mentre ritornano a Nord, il sottomarino viene assediato da dei Calamari giganti, ma alla fine sfuggono alle terribili creature.

Il capitano Nemo è un uomo geniale, ma allo stesso tempo oscuro e misterioso, che afferma di aver rinunciato alla società degli uomini e tagliato qualsiasi legame con la terra ferma. Lo si vede tuttavia aiutare gli autonomisti greci donando loro i tesori da lui trovati sul fondo del mare. Mostra inoltre un odio implacabile nei confronti delle navi che portano una certa bandiera, che affonda sistematicamente per vendicare la sua famiglia.

Più volte Land tenta invano di organizzare un piano di fuga, anche contro la volontà dello stesso professor Aronnax, poiché quest’ultimo non vuole lasciare il Nautilus, tante sono le bellezze e le scoperte che gli possono permettere di approfondire i suoi studi sul mondo marino. Dopo un po’ di mesi però la vita dentro il sottomarino cominciò a diventare più monotona; il Capitano Nemo si chiude sempre più in sé stesso e i protagonisti, anche il professore, non provano più lo stesso entusiasmo iniziale. Ned Land ne approfitta per organizzare un nuovo tentativo di fuga, ma improvvisamente il sottomarino viene risucchiato dal terribile gorgo del Maelström, vicino alle coste della Norvegia. Scaraventati fuori dalla nave, a causa della furia tremenda del mare i fuggitivi svengono. Si risvegliano tutti e tre, sani e salvi, in una capanna di un pescatore in una delle isole Lofoten, in attesa di poter ritornare in Francia.

L’AUTORE:
Jules Verne, spesso italianizzato in Giulio Verne (Nantes, 8 febbraio 1828 – Amiens, 24 marzo 1905), è stato uno scrittore francese. È oggi considerato tra i più influenti autori di storie per ragazzi e, con i suoi romanzi scientifici, uno dei padri della moderna fantascienza. Il successo giunse nel 1863, quando si dedicò al racconto d’avventura. Tra i suoi numerosissimi romanzi vi sono Viaggio al centro della Terra, Dalla Terra alla Luna, L’isola misteriosa, Ventimila leghe sotto i mari e Il giro del mondo in ottanta giorni. Alcuni di questi sono poi divenuti film.

Jules Verne, con i suoi racconti ambientati nell’aria, nello spazio, nel sottosuolo e nel fondo dei mari, ispirò scienziati ed applicazioni tecnologiche delle epoche successive.

Le sue opere sono note in tutto il mondo. Verne è uno degli autori più letti in lingua straniera.

Annunci

3 pensieri su “Speciale I figli di Atlantide: Ventimila leghe sotto i mari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...