Lisa Verdi e il ciondolo elfico

Trama:

Lisa è una sedicenne che vive le emozioni, le gioie ed i turbamenti tipici della sua età. La sua vita, tranquilla e spensierata, verrà stravolta quando la zia le rivelerà la sua vera identità e la costringerà a varcare la Porta di Passaggio per il Regno Elfico. In questo nuovo mondo, in cui ogni cosa é capovolta e ricca di mistero, apprenderà di essere la Prescelta, designata da un’antica Profezia per annientare una volta per tutte il potere del Nero Signore degli Elfi e del Generale Guglielmo. Verrà accompagnata in questa inevitabile missione dal suo amato Paolo e dagli amici Gianni e Matilde e scoprirà, suo malgrado, che il lupo cattivo non vive solo nei boschi, ma spesso anche in casa.

Trovo divertente leggere libri di scrittori esordienti, pubblicati da case editrici ‘minori’ e spesso poco conosciute, perché mi capita di trovare delle cose davvero carine, proprio come in questo caso.

Il primo volume della trilogia incentrata sulla figura di Lisa Verdi, risulta essere un testo divertente, fresco e coinvolgente, privo di zone morte (ovvero spazi inutili) e di classicismi ripetuti fino allo sfinimento nei colossi del genere. La signora Black, anzi, fa di più, aggiunge una sorta di componente fantascientifica agli ormai abusati elfi, trasformandoli in qualcosa di nuovo che, sì, forse all’inizio fa un po’ storcere il naso, ma che poi rende il tutto molto più originale.
I personaggi sono ben delineati e usati con cura, rimanendo ben impressi nella mente del lettore che non tarda a rivedersi nell’incredulità dell’amica di Lisa, nella goffaggine di Bartolomeo o in alcune caratteristiche della protagonista stessa… poi, lo ammetto, Lisa mi sta anche un po’ antipatica con quelle sue crisi ‘isteriche’, però è sintomo, almeno a mio avviso, di una buona riuscita del personaggio e, inoltre, anche Alice (quella del paese delle meraviglie) mi sta piuttosto antipatica, eppure Alice nel paese delle meraviglie è il mio libro preferito.

Certo, con questo non voglio dire che la storia è la perfezione letteraria incarnata, ci sono degli errori di battitura, come ci sono dei dialoghi che, a mio avviso, potrebbero essere stati migliori, come alcune situazioni che potrebbero essere state sviluppate un tantino meglio, però devo proprio ammettere che questo libro mi ha divertito, mi ha tenuto compagnia regalandomi delle ore davvero piacevoli, cosa che non sempre succede, anche con i grandi nomi della letteratura. E poi, sono convinto che la nostra M.P. sia una persona che impara dai propri errori e che la sua scrittura migliori di volume in volume… ma staremo a vedere.
Ora mi concederò al piacere di leggere il seguito: Lisa Verdi e l’antico codice.

Lisa Verdi e il ciondolo elfico
280 pagine
brossura
15,10 €
aNobii
blog M.P. Black
forum M.P. Black Fan

Annunci

2 pensieri su “Lisa Verdi e il ciondolo elfico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...